domenica 17 maggio 2015

Francesco Facchinetti

Il coraggio deve essere come l' aquilone: più 

il vento è contro e più deve volare alto.

NON ARRENDETEVI MAI!

martedì 12 maggio 2015

AGRO-OMEOPATIA IN GIARDINO PER DIFENDERE LE PIANTE

Stimolare le difese naturali delle piante e rafforzarne la crescita. 
BELLADONNA: utile per contrastare la "ruggine" quando si presenta con macchie scure o quando la pianta ha sofferto la siccità
THUYA OCCIDENTALIS. per i parassiti che scavano il tronco delle piante, le larve minatrici, le infezioni fungine
ARNICA MONTANA: se la pianta ha subito traumi, dopo un travaso, o in caso di rami spezzati. 5ml in soluzione idroalcolica diluiti in 2 litri di acqua. Si agita, si scuote vigorosamente per almeno 30 secondi-1minuto e si irrorano le radici della pianta una volta.
(Elio Rossi)

Se poi volete provare a vedere se funziona, potete seguire queste indicazioni, ricavate da un manuale, uscito qualche anno fa. Innanzitutto bisogna prendere una parte della foglia malata della pianta che andiamo a curare, triturarla e lasciarla immersa in acqua in un piccolo contenitore, per almeno un giorno. In questo modo i parassiti avranno il tempo di sciogliersi nel liquido e in questo modo otterremo una tintura, che andrà poi successivamente filtrata e conservata, anche se ci serviremo solo di qualche goccia. Ora inizia la diluizione. Una piccola parte del preparato va diluito con 100 parti di acqua e il  tutto va agitato 100 volte. Poi vanno conservate solo poche gocce anche di quest'ultima miscela, che va di nuovo diluita con acqua nelle stesse dosi. L'operazione va ripetuta una decina di volte. In ultimo, ciò che ottenete, va diluito con acqua in quantità anche maggiori e spruzzato direttamente sull'impianto fogliare malato. Avrete ottenuto il vostro primo preparato omeopatico!  

domenica 10 maggio 2015

5 PIANTI PER DIRE ADDIO ALLE ZANZARE

1 Citronella (Cymbopogon nardus)

citronella-piante-anti-zanzare

La Citronella è una pianta erbacea perenne, sempreverde, originaria dell’Asia meridionale che costituisce l’ingrediente naturale maggiormente utilizzato nella formulazione di repellenti anti zanzara. Il caratteristico odore della pianta è in grado di mascherare quelli attrattivi prodotti dal nostro corpo, rendendo più difficile all’insetto la nostra localizzazione.
Sebbene la Citronella sia utilizzata in molti prodotti quali candele profumate, torce o olii, la pianta è sicuramente più efficace poiché possiede un odore più marcato.
Se coltivata in giardino o vicino al patio, andrebbe piantata dietro piccoli fiori e arbusti ornamentali. In alternativa può essere piantata in un vaso di dimensioni adeguate, magari posto su un supporto munito di rotelle, in modo da essere facilmente spostata secondo le nostre necessita e riposta in zone riparate durante l’inverno.
Nei centri di giardinaggio generalmente è possibile trovare piccole piante in vaso pronte per essere collocate nel terreno o travasate in un contenitore più grande, ma fate attenzione: al momento dell’acquisto sinceratevi che le piante siano Cymbopogon Nardus o Cymbopogon Winterianus. Spesso, infatti, quelle che ci vengono vendute non sono vere e proprie piante di Citronella e le loro capacità repellente non è paragonabile a quella della pianta originale.

#2 Monarda (Monarda punctata)

La Monarda è una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Lamiaceae e originaria dell’America settentrionale. E’ molto semplice da coltivare, con una grande adattabilità e ha proprietà repellenti simili a quelle della citronella. Emana, infatti, un intenso odore simile all’incenso che è in grado di confondere le zanzare.
La Monarda cresce rapidamente e predilige un’esposizione in pieno sole. E’ molto resistente e tollera bene anche periodi di siccità.
Le sue foglie, se essiccate, possono essere utilizzate per fare un ottimo thè delle bibite o nei sacchetti profumati. La sua essenza ricorda quella del bergamotto.

#3 Calendula (Calendula Officinalis)

Comunemente coltivate come piante ornamentali, per via dei loro fiori colorati, le calendule sono molto resistenti ed emanano un odore intenso assai sgradito alle zanzare e anche a molti giardinieri. La pianta contiene piretro, un composto molto usato nei repellenti anti-zanzara.
Le Calendule prediligono un’esposizione in pieno sole e un terreno abbastanza fertile. Se coltivata in vaso, può essere posta in zone strategiche come l’ingresso di casa o i davanzali delle finestre. Oltre a respingere le zanzare, le calendule tengono lontani anche molti parassiti delle piante di pomodoro. Vi suggeriamo di piantarne qualcuna nel vostro orto.

#4 Agerato (Ageratum houstonianum)

agerato-zanzare

Al genere Ageratum appartengono circa sessanta specie, tra annuali e perenni, tutte originarie dell’America settentrionale. La sua capacità repellente, è dovuta alla presenza di cumarina, una sostanza che le zanzare trovano particolarmente sgradita.
L’Agerato è facilmente riconoscibile per via dei suoi fiori azzurri, anche se in commercio si possono trovare esemplari dalla fioritura rosa, bianca o viola.
Questa pianta predilige un’esposizione in pieno sole o comunque, dove possa essere esposta ai raggi almeno per 4/5 ore al giorno. Non richiede terreni particolarmente fertili.
Le foglie di Agerato possono essere raccolte e schiacciate per aumentarne l’odore e quindi l’efficacia, ma si sconsiglia vivamente l’uso diretto sulla pelle.

#5 Erba Gatta (Nepeta Cataria)

erba-gatta-piante-anti-zanzare
L’erba gatta è un insospettabile ed efficace repellente naturale. Da uno studio condotto lo scorso anno dagli entomologi dell’Iowa State University questa pianta è risultata dieci volte più efficace della DEET contenuta nei repellenti chimici.
Secondo Chris Peterson, uno dei ricercatori che hanno condotto lo studio, la ragione della sua efficacia è ancora sconosciuta. “Potrebbe essere semplicemente perché agisce da irritante o per l’odore sgradito alle zanzare. Ma ancora nessuno può confermarlo“.
La Nepeta cataria è molto semplice da coltivare e richiede pochissime cure. La sua capacità repellente può essere amplificata se utilizzata direttamente sulla pelle. Ovviamente se avete un gatto, prendete in considerazione la scelta di un’altra di queste piante anti-zanzara.
Queste piante hanno dimostrato sul campo le loro proprietà repellenti, ma attenzione alla loro collocazione: ci sono, infatti, delle varianti ambientali da tenere in considerazione. Una leggera brezza potrebbe disperdere il suo odore riducendone drasticamente l’efficacia e consentendo alle zanzare di banchettare allegramente con il nostro sangue.
Grazie a queste piante, semplici da coltivare, quest’estate dormirete sonni tranquilli.

CURCUMINA E PARKINSON

La curcumina, un composto presente nella curcuma, si sta dimostrando efficace nel prevenire l’aggregazione di una proteina coinvolta nella malattia di Parkinson, secondo una ricerca della Michigan State University.

Un team di ricercatori guidato dal dottor Ahmad Basir, aveva già dimostrato che le proteine alfa-sinucleina sono la causa dell’aggregazione che è il primo passo verso alcune malattie come il Parkinson. Un nuovo studio condotto dal dottor Ahmad, che appare sull’ultimo numero del Journal of Biological Chemistry, dimostra che la curcumina può aiutare a prevenire questa aggregazione.
“La nostra ricerca dimostra che la curcumina può salvare le proteine dall’aggregazione, il primo passo verso malattie molto debilitanti”, ha detto Lisa Lapidus, professore associato di fisica e astronomia, co-autore dello studio con Ahmad. “In particolare, la curcumina si lega fortemente alla alfa-sinucleina e impedisce l’aggregazione a temperature corporee”.

Lava i capelli senza shampoo per 20 giorni: il risultato dell'esperimento è sorprendente

DUE BLOGGER HANNO LAVATO I CAPELLI CON ACQUA E BICARBONATO PER 20 GIORNI, IL RISULTATO E' STATO STUPEFACENTE, CAPELLI SGRASSATI, PIU' SOFFICI.

BICARBONATO USI E BENEFICI PER LA SALUTE E LA BELLEZZA

giovedì 7 maggio 2015

PASSWORD ALERT

Per aiutarvi a rendere il vostro account sicuro, lanciamo Password Alert, un’estensione di Chrome, open source e gratuita, che protegge i vostri account Google e Google Apps for Work. Una volta installata, Password Alert vi mostrerà un avviso ogni volta che inserirete la vostra password Google in un sito diverso dalle pagine di accesso al vostro account Google. Vi proteggerà da attacchi di phishing e vi incoraggerà a utilizzare password diverse per siti diversi, una pratica efficace per tutelare i vostri account.

Ecco come funziona: una volta installata e avviata Password Alert, Chrome memorizzerà una versione codificata della password del vostro account Google. Questa informazione viene memorizzata per ragioni di sicurezza e non viene condivisa in nessun modo. Se, da quel momento in poi, doveste digitare la vostra password in un sito che non è una pagina di accesso al vostro profilo Google, Password Alert vi mostrerà una notifica come questa qui sotto. L’avviso vi ricorderà che siete a rischio di phishing, così potrete aggiornare la vostra password e proteggere i vostri dati.

CAMBIAMI - OCCHIALI

BUONGIORNO A TUTTI